Logo Fara Editore Fara Editore home - fara - catalogo - news - scrivi - farapoesia
L'universo che sta sotto le parole

La giuria del concorso Faraecelsior 2017

vai al bando

Antonio Vittorio Guarino


Caterina Camporesi

Cesare Davide Cavoni

Claudia Piccinno

Germana Duca


Marco Statzu


Teresa Armenti

***

Alessandra Gabriela Baldoni

Angela Colapinto

ClaudioClaudio Fraticelli

Francesco Di Sibio

Subhaga Gaetano Failla

 

 

 

Poesia

Antonio Vittorio Guarino (Napoli, 1985) vive ad Avellino. Ha pubblicato: La Vita Beota (Ed. Il Foglio Letterario, 2009) e La caduta dalla giovinezza (Onirica edizioni, 2011). Alcuni suoi testi sono presenti su riviste e antologie. Web: ilbeota.blogspot.itfacebook.com/antoniovittorio.guarino


Caterina Camporesi  è nata a Sogliano al Rubicone (FC) nel 1944 e vive a Rimini. È psicoterapeuta. Già condirettrice de La Rocca poesia e redattrice de Le Voci della Luna, collabora a riviste e blog con recensioni, testi poetici e saggi inerenti al rapporto tra psicoanalisi e creatività. Ha pubblicato le raccolte di poesia: Poesie di una psicologa (1982), Sulla porta del tempo (1996), Agli strali del silenzio (1999), Duende (Marsilio 2003), Solchi e Nodi (Fara 2008), Dove il vero si coagula (Raffaelli 2011), Muove il dove (Raffaelli 2015). Con la silloge “La sorte risanata” è presente nell’antologia La coda della galassia (Fara 2005). Altri testi sono stati pubblicati in rete e in numerose antologie e riviste.


Cesare Davide Cavoni voleva essere Pelé, invece ha dovuto prendersi una laurea, un master e un dottorato, scrivere libri, diventare bioeticista e fare il giornalista. Ha condotto i Tg di Tv2000 e programmi culturali. Attualmente conduce TGtg programma di approfondimento. In borghese, vive nel labirinto della poesia: questo il suo blog www.tv2000.it/cesarecavoni


Claudia Piccinno ama definirsi una maestrina, nel senso più bonario del termine. Lavora infatti come docente nella scuola primaria ed è referente di circolo per educazione alla lettura. Organizza  incontri con l’autore per i ragazzi, portando a scuola gli scrittori che condividono la stessa passione di seminare amore per i libri. Scrive poesie, ha al suo attivo sei sillogi edite, quattro in Italia e due all’estero.
Ha un sito web che non riesce ad aggiornare, ma che si presenta come un labirinto d’incontri ed emozioni: claudiapiccinno.weebly.com


Germana Duca, nata ad Ancona, vive e opera Urbino. Scrive testi creativi e critici su riviste e in rete. Ha pubblicato le raccolte poetiche distanzainstanza (Arti Grafiche della Torre 1999), Ex ore (Marsilio 2002), Gli angoli della terra (Joker 2009); con Manni, nel 2004, i racconti Tessere e nel gennaio 2017 la silloge Orlo invisibile.


Marco Statzu
è nato nel 1979 ed è prete della diocesi di Ales Terralba, insegna teologia, scrive poesie, cerca Dio tra gli uomini e l’umanità in Dio. Tenta di vivere in un eremo che si fa casa accogliente per chi cammina e fatica. Coltiva un orto e la sua anima. Web: maioba2.blogspot.it


Teresa Armenti
vive ed opera a Castelsaraceno, in Basilicata. Ha insegnato lettere nella scuola media fino al 2004. Si interessa di storia, saggistica, letteratura e poesia, anche in vernacolo. Collabora con alcune riviste locali, come Il Sirino e ha fatto parte della redazione de Il Paese di Castelsaraceno. È iscritta all’Associazione della Storia Sociale del Mezzogiorno e dell’Area Mediterranea. Ha pubblicato poesie, anche di carattere religioso, narrativa, lavori di ricerca storica (ad es. Le donne e il brigantaggio. La rivolta delle contadine), archeologica, etno-antropologica della sua terra, condotti insieme all’amica Ida Iannella con la quale ha allestito anche una mostra itinerante dedicata al grande archeologo Dinu Adamesteanu, fondatore dell’archeologia in Basilicata. Ha ottenuto vari riconoscimenti e ha fatto parte delle giurie di premi a Solofra, Lauria, Senise e Trecchina. Ha pubblicato con LucaniArt la plaquette Fedro e la giustizia. Dodici favole rivisitate in dialetto lucano. Si è interessata del matrimonio e dei Girovaghi, musicisti e musicanti della Valle dell’Agri.

 

Racconto/saggio

Alessandra Gabriela Baldoni
è scenografa, costumista e pittrice. Lavora in ambito teatrale (prosa e lirica) dal 2009. La sua presente ricerca teatrale e artistica la vede attiva come autrice e performer. È docente di nuove tecnologie e tecniche pittoriche antiche. 


Angela Colapinto
è nata a Bologna, dove lavora e vive. Si occupa per otto ore al giorno di stipendi, materia che non ha nulla a che vedere con la scrittura. Ha ripreso in mano questa antica passione da qualche anno e ne ha fatto più di un semplice passatempo. Le capita spesso di perdersi nei suoi pensieri e di ritrovarsi a inventare storie di cui è la protagonista. C’è qualcosa di più divertente e creativo che immaginarsi la protagonista di tanti, diversi e infiniti racconti? Per lei no. Non ricorda quando ha iniziato a farlo, forse è un’abitudine che ha da sempre e non riesce a immaginare quando smetterà. Forse mai. Le piace giocare con la vita, con i ricordi e con le situazioni ma soprattutto con sé stessa. È fra i vincitori della edizione 2017 del concorso Come farfalle diventeremo immensità.


Claudio Fraticelli
Claudio Fraticelli è avvocato cassazionista del Foro di Macerata e Magistrato Onorario alla Corte di Appello di Perugia. Alla professione forense coniuga la passione per lo studio della Sacra Scrittura nella lingua ebraica e per le nuove tecnologie informatiche. Le kermesse avellanite lo hanno spinto ad approfondire le sue indagini filosofiche sulla c.d. “teologia politica”. Suoi saggi sono inseriti in Salvezza e impegno (2010), Il valore del tempo nella scrittura (2011), Scrivere per il futuro ai tempi delle nuvole informatiche (2012), Scrittura felice (2013), Dove sta andando il mio italiano? (2014), Il tempo del padre (2015), Il valore dello scarto (2016), Preghiera (e… (2016).


Francesco Di Sibio è irpino, classe 1975, vive a Frigento (AV) e lavora nelle comunicazioni sociali. Fa fatica a far comprendere all’interlocutore il suo cognome; infatti, si dedica spesso allo spelling. La sua passione sono i romanzi, da leggere in solitaria o in pubblico, realizzando reading, presentazioni e manifestazioni culturali. Ne ha scritto uno, Qualcosa si è rotto, edito in ebook da Passerino Editore (ottobre 2015), dove si narra la storia di un bassista rock fino a quel momento indefinibile che… Con ; (punto e virgola) ha vinto l'edizione 2016 del concorso Faraexcelsior.


Subhaga Gaetano Failla è nato a Scalea (CS) nel 1955. Qualche anno dopo, ha scoperto un oggetto da cui non si sarebbe più separato, il libro, in grado di farlo viaggiare nel tempo e nello spazio. Le sue prime scritture evitano la penna d’oca, ma non calamaio, pennino e penna Bic. Insegnante, laureato in Sociologia a Urbino, vive a Follonica (GR). Ha fatto parte di gruppi teatrali. Ha pubblicato saggistica sociologica, narrativa, poesia e saggistica letteraria, e alcune raccolte di racconti, tra le quali La signora Irma e le nuvole (Fara 2007). Suoi testi, prevalentemente di narrativa, sono presenti in diverse pubblicazioni e soprattutto nelle antologie di Fara Editore e Delos Books. Poesie in lingua inglese, tradotte in francese e tedesco, sono incluse in Zen poems (MQP 2002) e Haiku for lovers (MQP 2003). Ultime pubblicazioni: nel 2016, in inglese, nelle edizioni Routledge, in Therapy and the Counter-tradition. The Edge of Philosophy (a cura di M. Bazzano e J. Webb) e nella rivista Self & Society; con Delos Books,  nel 2016, ne Il magazzino dei mondi 3 e nella rivista WMI Speciale SF; con Fara Editore, ne La mia sfida al male (2016), Preghiera (e… (2016), Il coraggio del bene (2017).  

Torna all'inizio

grafica Kaleidon © copyright fara editore