Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

Potete ordinare i nostri libri per mail a info@faraeditore.it o allo 0541.22596 fax 0541-22249 con lo sconto del 15% (più 3 euro spese per l'Italia) inseriremo nel plico il bollettino di c/c postale già compilato o, se preferite fare un bonifico, vi indicheremo le coordinate bancarie.


Recensioni e segnalazioni

Gli Specchi Critici (Luca Cenacchi)

Luigi Cataldi

Giovanni Fierro (Fare Voci)

Francesco Tomada (La dimora del tempo sospeso)

Liturgia Giovane

Fulvio Segato
La consuetudine dei frantumi

€ 11,00 pp. 74 (Sia cosa che # 103)
ISBN 978 97441 33 5

Vincitore assoluto del premio Faraexcelsior 2013 - sez. Poesia
Primo classificato al Premio Massa, città fiabesca di mare e marmo 2014
Premio speciale Casentino 2016

Questo odore scavato che circola fra strade
rioni
: così inizia questo viaggio nella poesia della quotidianità di cose, persone e situazioni
che hanno però sempre qualcosa di sommessamente spiazzante, magari sorprendente, pur nell’apparente routine di gesti e degli eventi che lo sguardo di Segato ci offre adombrandoli con una luce radente che sa metterli in risalto. Come scrivono (rispettivamente) i giurati Giuseppe Carracchia, Vincenzo D’Alessio e Valerio Grutt, troviamo in questa raccolta: “fughe e imprevisti ben calibrati”, “una poetica acuminata”, “consapevolezza e visione,
uno stile compatto e riconoscibile”. C’è sempre qualcosa da scoprire, qualche emozione da provare o provocazione da far nostra in questi “frantumi” che ci scorrono dentro come le liquide vibrazioni sonore di un bastone della pioggia. Ascoltiamone qui subito, ad esempio, i coinvolgenti versi conclusivi:

Lo sentite anche voi, anche tu lo senti
quel respiro, quell’attimo, quella cosa?
quella che poi sembra diventare tua,
sembra diventare nostra,
la cosa d’abitudine, come petalo
schiacciato che fu il fiore,
anche odore del fiore, il suo gambo,
la consuetudine dei suoi frantumi.

Fulvio Segato è nato a Trieste nel 1959, città
dove lavora in una scuola pubblica. Negli
anni Ottanta ha pubblicato due raccolte poetiche: I canti della Fenice (Nuovi Autori 1984) e Io Narciso (Ibiskos 1985, anche ne I poeti contemporanei 87, a cura di Elio Pecora,
ed. Pagine) Nel 2013 è uscita per le Edizioni Helicon la silloge Vocativi in eco (con nota introduttiva di Silvio Ramat), quale premio
Casentino 2012. È in preparazione per
Edizioni Progetto Cultura una raccolta dal titolo Cadono i cormorani. Ha conseguito riconoscimenti in concorsi letterari sia in poesia che in prosa. Per contatti: fulvio08@libero.it

Torna all'inizio

grafica Kaleidon © copyright fara editore