ilValeria Raimondi - Il penultimo giorno - poesie - covid - Narrapoetando
Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

Potete ordinare i nostri libri a info@faraeditore.it con lo sconto del 15% (più 6 euro come Posta1) con bonifico a Edizioni Fara presso RomagnaBanca Rimini Centro IBAN IT25 U088 5224 2020 3201 0045 062

Recensioni e segnalazioni

Valeria Raimondi
Il penultimo giorno

euro 10,00 pp. 64 (Spiccioli 11) marzo 2021
ISBN 978-88-9293-013-1

Copertina di Giacomo Ramberti

Poesie segnalate al concorso Narrapoetando da Colomba Di Pasquale (motivazione nel libro)

Fuori, ora esci fuori e vola, / e spera che reggano le ali tenere e arruffate, / spera di fermarti prima di toccare terra, / di precipitare.

Cucino ciò che non posso mangiare. / Riempio piatti a casaccio / mi affamo da sola / mi lascio svuotare.

Solo una scia lasciamo / uno sguardo sgomento / e alle spalle una strada.

Ma ora voglio una vita più spaziosa. / Che si frastagli il cielo! / Ora quel che tocco non voglio lasci impronte / solo un passaggio prestato a questo tempo.

Fortissima nella sua intensità sommessa e viva è la voce partecipe ed empatica di Valeria Raimondi che indaga le profondità dell’anima ben conoscendo le fragilità, i limiti e i desideri del corpo (sempre così unito al proprio spirito). Non possiamo non sentirci avvolti e coinvolti, emozionati e provocati, da questa poesia che evoca immagini stupende e crea suggestioni potenti e bellissime.

Valeria Raimondi vive a Brescia e fa parte dell’Associazione culturale Movimento dal Sottosuolo. Con Donne A(t)traverso propone un recital sulle origini della violenza di genere. Nel 2016 viene tradotta in lingua albanese con i poeti Beppe Costa e Jack Hirschman. Suoi inediti compaiono in Distanze (Fara 2018) e alcune invettive nella Gazzetta dei Dipartimenti del Collage de ‘Pataphysique. Una sua poesia è intro dell’album musicale dei DUNK. Nel 2011 esce con Thauma la silloge IO NO (Ex-io); nel 2014 con Fusibilia Debito il Tempo, opera vincitrice del Premio Eros e Kairos. Sue poesie vengono tradotte in portoghese e presentate a San Paolo del Brasile nel 2018. Nel 2019 esce per Pietre Vive La nostra classe sepolta: cronache poetiche dai mondi del lavoro, selezione di poesie di lavoratori e lavoratrici di tutta Italia. Nel 2020 la sua testimonianza di lavoro e di vita nella Lombardia colpita dal Covid, Una storia sbagliata, viene pubblicata da MicroMega (temi.repubblica.it).

Torna all'inizio

 
grafica Kaleidon © copyright fara editore