Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

Potete ordinare i nostri libri a info@faraeditore.it con lo sconto del 15% (più 6 euro spese con spedizione veloce in Italia) con bonifico a Edizioni Fara presso RomagnaBanca Rimini IT25 U088 5224 2020 3201 0045 062

Recensioni e segnalazioni

Valentina Demuro su Alma Poesia
Tra cima e fondo (voce Donatella Nardin)
Ivano Mugnini
Giuseseppe Vetromile - Transiti poetici
Fabrizio Bregoli
Patrizia Baglioni su Les fleurs du mal
Italian poetry page
Tra cima e fondo
Limina mundi
Licenza Poetica
Versolibero
Renzo Montagnoli su Arte insieme
Antonio Spagnuolo su Poetrydream

 

Donatella Nardin
The green eye of the fields
L’occhio verde dei prati

versione inglese a fronte di Ivano Mugnaini

13,00 pp. 144 (Vademecum 53), aprile 2023
ISBN 978-88-9293-031-5

Copertina di Dante Zamperini
Testi selezionati dal concorso Narrapoetando

Nota introduttiva di Carla De Angelis
Postfazione di Riccardo Deiana

Videopoesia interpretata da Rodolfo Vettor

1° posto al Premio Leandro Polverini 2023 sez. Poesia simbolista
2° Premio Concorso Albiatum 2023 v. Motivazione di Dario Marelli
1° premio alla VI ed. del Premio Il sabato nel villaggio organizzato dal Centro Studi Atlantide e Premio Il Plauso della Giuria alla videopoesia incipitaria 
Tre poesie tratte dalla silloge sono state premiate nella Sez. Poetry Collection Award del National Literature Prize Zheng Nian Cup – Cina
Premio Encomio di Eccellenza alla X ed. del Premio Internazionale Città del Galateo-Antonio De Ferraris
La poesia incipitaria che dà il titolo alla silloge ha ricevuto la Menzione di Merito al Premio L’Azalea 2023
Menzione di Merito al Branda Castiglioni 2024


L’occhio verde dei prati, risvegliato, / fa nido bevendo la nuda / chiarità del mattino / come le vite care appese alle finestre / del loro infinito mancare, / come il biondosole, amore riverso / tra le scapole azzurre rotte / da assenze, commiati, afasie. / Ringraziare ogni risveglio che sia / sassopietra o nuvolafiore,/ nell’attimo essere immensamente /grati – ai prati, al mondo, fosse / pure ai respiri affannati – / prima che il verde esca dagli occhi / come le vite care divenute / allo sguardo pura nostalgia.

Donatella Nardin è nata e risiede a Cavallino Treporti (VE). Dopo gli studi classici, ha lavorato nel settore turistico. Sue poesie e racconti, premiati in numerosi concorsi letterari, sono stati inseriti in antologie di diverse case editrici (LietoColle, Empiria, La Vita Felice, Puntoacapo, Terre d’ulivi…), in alcune riviste anche straniere, in siti web e lit-blog. Alcune sue liriche sono state tradotte in inglese, francese e giapponese. In poesia ha pubblicato: con Il Fiorino la silloge In attesa di cielo e la raccolta di haiku Le ragioni dell’oro; con Fara Terre d’acqua e Rosa del battito. Sue sillogi sono state di recente premiate e inserite nei volumi: L’altra metà del cielo Ibiskos Ulivieri 2021), Distanze obliterate (Puntoacapo 2021) e Premio di Poesia Città di Mestre 2022 (Mazzanti Libri). In uscita la raccolta poetica Il dono e la cura (Aletti Ed.) con versione in arabo di Hafez Haidar.

grafica Kaleidon © copyright fara editore