Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

Potete ordinare i nostri libri a info@faraeditore.it con lo sconto del 15% (più 6 euro spese con spedizione veloce in Italia) con bonifico a Edizioni Fara presso RomagnaBanca Rimini IT25 U088 5224 2020 3201 0045 062 oppure inseriamo bollettino per il pagamento in posta.

Recensioni e segnalazioni

Bresciaoggi (Marco Tiraboschi)

Hugo Ball
Il boia di Brescia
Commedia in tre atti tra passione ed estasi

Traduzione di Lidiia Astapenko
Cura di Francesco Ferrazzi e Lorenzo Gafforini

12,50 pp. 96 (Vademecum 54), giugno 2023
ISBN 978-88-9293-032-2


Hugo Ball (1886-1927), scrittore, poeta e regista teatrale tedesco, esponente di primo piano del movimento Dada, è un virtuoso della parola. In quest’opera ispirata a fatti truculenti e pruriginosi della Brescia assediata da Enrico VII (1311), l’autore fa “un utilizzo frequente di neologismi e alterna spesso i registri, soprattutto destreggiandosi perfettamente tra il sacro e il profano. Alterna, inoltre, parole di varie epoche invitando dunque il lettore a partecipare a un gioco linguistico, funambolico. Ne Il boia di Brescia le sue immagini sono particolarmente suggestive, con forti influenze della poesia espressionista” (dalla Prefazione). La pièce è qui tradotta per la prima volta in italiano.

Lidiia Astapenko (Saratov, 1988), poliglotta, insegnante di lingue straniere, interprete, traduttrice, attrice e regista. Ha vissuto, studiato e lavorato in quattro Paesi (Russia, Belgio, Francia e Italia). Scrive per varie riviste sui temi linguistici e letterari. Ha partecipato alla redazione della traduzione in italiano della pièce teatrale di Evgenij Evtušenko Se tutti i danesi fossero ebrei (Lamantica Edizioni 2022). Collabora a diversi progetti formativi e culturali.

Francesco Ferrazzi (Brescia, 1992), laureato con lode in Filologia Moderna, è professore e scrittore. Dal 2019 insegna Letteratura e Storia nelle scuole secondarie di Brescia. Nel 2019 ha conseguito il Master in International Screenwriting and Production all’Università Cattolica, lavorando per il cinema, la televisione, l’editoria. Nel 2020 ha ottenuto il Development Grant e una Menzione Speciale al prestigioso Premio Solinas Experimenta Serie. Nel 2023 è uscito L’Anima, il suo primo film come sceneggiatore, diretto da Massimo Grandi.

Lorenzo Gafforini (Brescia, 1996), laureato in Giurisprudenza, ha pubblicato 9 raccolte di poesia. L’ultima silloge è Il dono non ricambiato (Fara 2023). Collabora con diversi blog e riviste di critica letteraria. Ha curato la prima edizione mondiale del testo teatrale inedito Se tutti i danesi fossero ebrei del poeta Evgenij Evtušenko (Lamantica Edizioni 2022). Partecipa attivamente a progetti culturali, soprattutto in ambito letterario e cinematografico.

grafica Kaleidon © copyright fara editore