Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

Recensioni e segnalazioni

In purissimo azzurro
L(')abile Traccia (Lorella De Bon)
Il caffè 5-10-07 (Pasquale Maffeo)
Monica Moroni
Il Domenicale 4-8-07
Studi cattolici
L'Arcilettore

 

 

Alessandro Rivali
La Riviera del sangue e nuove poesie

13,00 pp. 120 (Sia cosa che)
ISBN 978 88 95139 18 0

«Pur incentrata su memoria di luoghi e persone, orientata a una geografia delle origini famigliari, la poesia di Alessandro Rivali non ha nulla di quel tono confessionale che marca molte, troppe esperienze dei poeti della sua generazione; non si limita infatti a raccontare ciò che vede o ricordare luoghi e situazioni, o a rappresentare i propri stati d’animo, ma inscrive la sua ricerca poetica in una prospettiva più forte e rigorosa, dotata di un respiro non flebile e di un retroterra forte, con modelli danteschi e foscoliani filtrati da una scabra concertazione della lingua che però, piuttosto che obbedire a una tendenza espressiva novecentesca codificata, e francamente non più riproponibile, si rivela piuttosto mossa da un forte intento espressionistico. La Riviera del sangue è un titolo forte e fortemente evocante un confine segnato da un antecedente emorragico, una lacerazione nella carne che
genera i limiti e le divisioni della realtà nello spazio e, presumiamo, nel tempo. C’è una rete che imbriglia / quello chenon si vede: forse Rivali scrive di questa tela, e ha compreso il compito vero e arduo del poeta: fare visibile l’invisibile senza lacerare la tela che lo imbriglia, svelare. E il compito dello svelamento non è indolore. Ilsangue versato di cui parla è anche il suo.» (Roberto Mussapi)

Sulla lastra sconvolta di luce
non distingueva fine e principio,
alfa e omega,
splendori e dedali lebbrosi.
Si accalcavano nella turba
l’ordine dei fiumi
e i piedi disciolti di Babilonia,
chi disegnò draghi sullo smalto
e giardini sempre irrigati
e fughe di stanze senza fine
per una sposa sbiadita dal male.

Alessandro Rivali è nato a Genova nell’aprile del 1977. Si è laureato a Milano con una tesi di storia militare sull’immagine della guerra negli anni della Belle Époque. È redattore di Studi cattolici e Atelier e lavora come editor presso le Edizioni Ares di Milano. Sue poesie sono apparse sulle principali riviste italiane. È inserito in diverse antologie tra le quali Poeti per Milano (viennepierre, Milano 2002), Quattro poeti (Ares, Milano 2003), Lavori di scavo. Antologia dei poeti nati negli anni ’70 (Antologia web di Railibro 2004). La prima edizione della Riviera del sangue (Mimesis, Milano 2005) è stata finalista al Premio San Pellegrino.

Torna all'inizio

grafica Kaleidon © copyright fara editore