Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

lodola

Potete ordinare i nostri libri a info@faraeditore.it con lo sconto del 15% (più 3 euro spese per l'Italia) con bonifico a Edizioni Fara s.a.s. – RomagnaBanca Rimini Centro IBAN IT25 U088 5224 2020 3201 0045 062

Recensioni segnalazioni commenti

Vincenzo D'Alessio

Roberto Morpurgo
Lodola

€ 10,00 pp. 88 (Narrabilando 8)
ISBN 978 88 97441 96 0

«Ricordo molti altri incontri con Lodola, sfuggendomi ormai se furono precedenti o successivi, o se con nettezza ricordo il nostro primo è forse che ancora oggi sono lungi dall’incarnare l’idea del ‘discepolo perfetto’. (…) E se invece conoscessi Lodola da sempre? Che importanza può avere ormai, dato che lei dimorava laggiù dove il tempo non passava e nemmeno sostava, e non esisteva anzi salvo che per incorniciare le nostre brevi indimenticabili riunioni. E io che grazie a lei avevo finalmente imboccato la retta via della dispersione e dello smarrimento.» – La scrittura di Roberto Morpurgo è avvolgente, misteriosa… ci svela i più segreti recessi dell’anima: le pulsioni, i desideri, i ricordi rivisitati e ricompresi a distanza, gli amori e gli imprevisti che costellano l’andare di ogni persona. La narrazione è elegante ma richiede una certa attenzione: il lettore è chiamato a immergersi in queste storie, a riviverle come fossero sue, a far calare nel profondo le vibrazioni a volte dissonanti di situazioni che gli pongono di fronte la sempre sorprendente varietà delle relazioni umane con i loro inevitabili tuffi al cuore e la loro (forse) fantastica ricomposizione nella pasta duttile e creativa della memoria.

Laureato in filosofia, Roberto Morpurgo scrive poesie, aforismi, saggi, racconti, soggetti cinematografici, pièces. Ha pubblicato con Joker L’azzurro del mare (poesie) e Pregiudizi della libertà I (aforismi); con Puntoacapo El Djablo (racconti). Ha diretto per la scena e per la radio i suoi atti unici Tubor e L’Autoritratto (edito poi in volume da Falsopiano, 2013). Per Schegge d’Autore (RM) e La corte della Formica (NA) ha curato nel 2008 la messinscena e la regia del suo monologo L’Isola. Al teatro Tordinona di Roma ha allestito e diretto le sue pièces Bogey (2009), L’Appello (2010), Pioggerellina nella stanza (2011), L’Intervista (2012). Ha vinto il concorso La vita in prosa 2012 con il racconto Muette, e con il libro Pregiudizi della libertà I-II il Premio Città di Como 2015 e (ex aequo) il Premio Torino in sintesi 2016. Monte Conero è inserito come finalista nell’antologia Racconti Marchigiani (Historica Edizioni 2016). Mail: oceluspide@gmail.com

grafica Kaleidon © copyright fara editore