Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

costellazione assenza

Potete ordinare i nostri libri a info@faraeditore.it o allo 0541.22596 con lo sconto del 15% (più 3 euro spese per l'Italia) con bollettino postale o bonifico: Edizioni Fara presso RomagnaBanca filiale di Rimini Centro IBAN IT25 U088 5224 2020 3201 0045 062

Recensioni e segnalazioni

Giovanni Fierro in Fare Voci

LINKIESTA (Stefania D'Amore)

Vincenzo Capodiferro (in Insubria Critica)

Vincenzo D'Alessio

Poetarum Silva (Anna Maria Curci)

Giovanna Iorio
La neve è altrove

€ 10,00 pp. 226 (Il filo dei versi 17)
ISBN 978 88 97441 95 3

Prefazione di Marco Sonzogni
Foto di Alexey Kljiatov

traduzioni di
Charlie Hann – inglese
Zingonia Zingone – spagnolo
Anna Jolanta Lagoda – polacco
Grazia Calanna – francese
Anna Maria Curci – tedesco
Anna Tumanova – russo

Nella Prima rosa del Premio Camaiore 2017!

Questa raccolta ha vinto il Concorso Pubblica con noi 2016. È qui tradotta in sei lingue, prefata dall’acuto critico Marco Sonzogni («una bianca filigrana che lega alla vita in tutte le sue manifestazioni»), illustrata dalle splendide foto di Alexey Kljiatov e con una nota finale del matematico Stefano Iannone.
«Poesia stellante – un sentire autentico in un autentico e nuovo raccontarsi – ogni lirica solleva in alto come se l’autore avesse seguito, nel dipanare il verso, la traiettoria di una stella.» (Angela Caccia)
«Nevica tra le parole, in questa raccolta, dove la neve è immagine costante, emergendo a tratti – fuori da ogni luogo comune – come una presenza che può essere anche inquietante. Il dialogo figurale è infine
con la voce, come segnala la prima citazione e anche il testo, verso la conclusione, dove finalmente ritorna / in carne ossa la voce / a benedirmi.» (Lorenzo Mari)
«Un libro agile e coerente che corre via lungo un ritmo che è riuscito, nonostante la forma del verso completamente libero. La neve è relazione, presa d’atto, presente anche quando si fa attesa di ordine o guarigione dalla malattia, è conoscenza di una “carovana di suoni”, pensieri scoperti come dentro una valanga già distesa su un campo.» (Giorgio Casali)
«Imbianca l’anima e gli inquieti pensieri, la candida neve, meraviglia del creato che attraversa l’essere luminoso e diventa poesia. Si posa lieve nel giardino dei versi tra sensazioni profonde e germogli di emozioni.» (Emilia Dente).


Giovanna Iorio vive e scrive a Roma. Ha pubblicato diverse raccolte di poesie. Le più recenti Haiku dell’Inquietudine (Fusibilia 2016) e Frammenti di un profilo (Pellicano 2015, con Post poesia di Renzo Paris). È presente in molte antologie tra cui Cuore di preda (CFR) e SignorNo (SEAM). Scrive racconti (Domiveglia, Regina Zabo 2016) e radiodrammi (Rai 3 e Radiolibriamoci web). Collabora con Roma&Roma, DiarioRomano ed Erodoto108.

Torna all'inizio

grafica Kaleidon © copyright fara editore