Logo Fara Editore Fara Editore

L'universo che sta sotto le parole
home - fara - catalogo - fariani e kermesse
Titolo Schede
presentazione - argomenti - autori e titoli - librerie

Potete ordinare i nostri libri a info@faraeditore.it con lo sconto del 15% (più 3 euro spese per l'Italia come Piego di libri o 6 euro come Posta1) con bonifico a Edizioni Fara presso RomagnaBanca Rimini Centro IBAN IT25 U088 5224 2020 3201 0045 062

Recensioni e segnalazioni

Giuseppe Carlo Airaghi
Quello che ancora restava da dire

Copertina foto di Dante Zamperini
Nel testo La via del padre disegno di Giacomo Ramberti

10,00 pp. 104 (Spiccioli 5) ottobre 2020

ISBN 978-88-9293-004-9

Prefazione di Alessandro Ramberti

II class. al concorso Faraexcelsior (nel libro le motivazioni di Daniela Monreale e David Aguzzi)

 

Oltrepassata la soglia di casa,
il passo in bilico tra il restare e l’andarsene,
l’uomo che si sente stanco
guarda sé stesso salire le scale
senza riuscire a scorgersi in volto,
sorride ai precari arcobaleni
lasciati fuori dalla porta,
raccoglie dallo stendino le maschere
rimaste ad asciugare nella notte,
somma ad uno ad uno i silenzi
annotati su un taccuino nero
da rileggere prima di prendere sonno,
immagina sé stesso in punta di piedi
intento a baciare le nubi sulle labbra,
attento a che nessuno lo scopra,
contento che nessuno lo veda.

#

Non abbiamo molto altro da dire
che già non sia stato detto,
condannati per questo al silenzio
o alla ripetizione.

 

Giuseppe Carlo Airaghi è nato a Legnano (MI)nel 1966. Vive a Lainate (MI). È impiegato presso un’azienda di servizi. In passato ha lavorato come geometra, animatore di villaggi turistici, venditore di prodotti siderurgici, cantante di musica blues. Nel 2019 ha pubblicato con Italic Pequod la raccolta di poesie I quaderni dell’aspettativa.

Torna all'inizio

 
grafica Kaleidon © copyright fara editore